​BREXIT: AGGIORNAMENTI E GUIDE PER IL TRAPORTO – 13/01/2021.

da Gen 13, 2021

MODALITA’ PER LA CIRCOLAZIONE

Guida Agenzia ICE (Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane) – “Logistica e Trasporti” 

Accordo commerciale e di cooperazione firmato tra l’Unione Europea e la Gran Bretagna.

Guida (in costante aggiornamento) sulle ulteriori formalità legate al trasporto merci.

Documenti predisposti dalle Autorità francesi per agevolare i trasportatori diretti in Gran Bretagna:

  • Guida con la documentazione necessaria;
  • Guida “L’import e l’export nel dopo Brexit”.

TEST LEGATI AL COVID-19

Certificazione di viaggio specifica (Attestation de déplacement vers la France depuis le Royaume-Uni), per chi proviene dal Regno Unito ed attraversa il territorio Francese per arrivare a destinazione.

Elenco dei test antigeni autorizzati per l’ingresso in Francia dal Regno Unito.

Guida per operatori, conducenti ed equipaggio di mezzi pesanti per l’attraversamento sicuro di un confine internazionale.

Mappa aggiornata dei luoghi di consulenza in cui i conducenti di mezzi pesanti, possono ottenere un test COVID gratuito.

Modalità di utilizzo del nuovo modulo per accertarsi che un autocarro disponga di tutta la documentazione.

Elenco dei siti di consulenza per gli autotrasportatori.

Elenco dei centri privati dove effettuare i test anti Covid-19.

INDICAZIONI DALLA SOCIETÀ EUROTUNNEL 

22 dicembre 2020

  1. SPOSTAMENTI DALLA GRAN BRETAGNA ALLA FRANCIA

Lo spostamento dalla Gran Bretagna alla Francia sarà presto reso possibile per gli autotrasportatori (presumibilmente a partire dalle 7:00 del 23 dicembre). Per potersi mettere in viaggio è necessario l’esito negativo di un test antigenico svolto nelle 72 ore precedenti e saranno svolti accertamenti al terminal di Folkstone prima della partenza.

I test per gli autotrasportatori sono in fase di organizzazione e saranno svolti dal personale sanitario inglese nei pressi del nostro terminal. La somministrazione dei test comincerà dai tir già in coda sulla M20. Questi test forniscono un risultato entro pochi minuti. I trasportatori che risulteranno positivi saranno assistiti dalle autorità inglesi, quelli che risulteranno negativi potranno dirigersi al terminal. Gli autotrasportatori che non si trovano sulla M20 non devono dirigersi verso il Kent questa sera, come raccomandato dal governo inglese. Queste direttive si applicano anche agli autisti e ai passeggeri dei veicoli commerciali.

Non ci saranno strutture per effettuare test all’interno del terminal dell’Eurotunnel. Gli autotrasportatori che non saranno in grado di presentare un test negativo saranno allontanati dal terminal. Questo nuovo regolamento durerà fino al 31 dicembre e potrebbe essere esteso fino al 6 gennaio, dopodiché potrebbe essere rivisto dai governi.

I passeggeri che desiderano viaggiare in Francia dalle 23:00 del 22/12/2020 avranno bisogno di un risultato negativo da un test COVID-19 accettabile per il governo francese nelle 72 ore precedenti. Al confine francese sarà necessario presentare un certificato di posta elettronica o messaggio di testo emesso dalla struttura di prova.

È NECESSARIO verificare di soddisfare i criteri del governo francese prima di iniziare il viaggio.

Si prega di notare che non esiste un centro di test COVID-19 nel sito Eurotunnel.

Vai su www.eurotunnel.com per prenotare o modificare i biglietti. SI PREGA DI NON ARRIVARE SENZA PRENOTAZIONE IN QUANTO LE NAVETTE SONO COMPLETAMENTE PRENOTATE.

INDICAZIONI DEL GOVERNO INGLESE

23 dicembre 2020

Il test per i conducenti  è iniziato presso il sito dell’aeroporto di Manston.
Il governo del Regno Unito consiglia vivamente di non viaggiare in Kent. Per qualsiasi conducente in arrivo nel Kent si rende noto che Manston è al completo e verranno indirizzati a Brock. I conducenti non dovrebbero recarsi al porto di Dover senza un test negativo.

Cliccando qui…  è possibile consultare la guida aggiornata sui luoghi dove i conducenti che utilizzano il porto di Dover e l’Eurotunnel possono effettuare.


Il Ministero dei Trasporti inglese ed i  funzionari del governo francese  stanno lavorando per garantire che i mezzi pensanti in arrivo dal Regno Unito durante il prossimo giorno festivo potranno viaggiare sulle autostrade francesi.

22 dicembre 2020

  1. Temporaneo allentamento delle regole sui tempi di guida e di riposo per facilitare l’attraversamento del confine a chi effettua trasporto internazionale di merci su strada.

    https://www.gov.uk/government/publications/temporary-relaxation-of-the-enforcement-of-the-eu-drivers-hours-rules-international-and-great-britain-to-northern-ireland-carriage-of-goods/temporary-relaxation-of-the-enforcement-of-the-eu-drivers-hours-rules-international-and-great-britain-to-northern-ireland-carriage-of-goods,
     
  2. Raccomandazione a tutti gli autotrasportatori a non dirigersi verso il Kent fino a nuovo avviso.

    https://www.gov.uk/government/news/protocol-agreed-to-reopen-french-border-to-uk-arrivals

Facciamo seguito alla nota Conftrasporto INT20568 dello scorso 20 Novembre, per segnalare che recentemente si è tenuto un incontro al MIT per fare il punto della situazione sulla questione Brexit, relativamente alle autorizzazioni al trasporto che andranno utilizzate a partire dal prossimo 1° Gennaio.

Pur nella speranza che U.E e Gran Bretagna giungano ad un accordo entro la fine dell’anno, che permetta ancora di avvalersi della licenza comunitaria per i viaggi tra i due Paesi, ad oggi la CEMT è l’unica autorizzazione utilizzabile nei trasporti con il Regno Unito.

A questo proposito l’Italia ha chiesto con forza, in ambito OCSE/ITF, un incremento del contingente autorizzativo che, sfruttando il coefficiente moltiplicatore legato ai veicoli euro 6, ne aggiungerebbe 400 al contingente attuale di 482 autorizzazioni. Una risposta definitiva si avrà per la prossima settimana, anche se la trattativa si presenta in salita visto che la maggioranza dei paesi dell’area CEMT chiedono al nostro Paese di rinunciare alle riserve (soprattutto quelle sull’ingresso dei veicoli fino a 3,5 ton) che, ricordiamo, fino ad oggi hanno consentito di limitare le CEMT valide per l’Italia a sole 2.000 (su un totale di circa 6.000 autorizzazioni in circolazione).

Per accelerare la formazione della graduatoria CEMT, e conseguentemente l’assegnazione delle autorizzazioni, nei prossimi giorni le imprese che hanno presentato domanda saranno invitate dal MIT ad autocertificare una serie di informazioni.

Con l’occasione, si ritiene di fare cosa utile allegando le slides (in lingua inglese) che sono state illustrate nel corso dell’incontro informativo indetto dall’Ambasciata Britannica la scorsa settimana.

Cordiali saluti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share This