DIVIETI NOTTURNI IN AUSTRIA. FAI-CONFTRASPORTO IN ASSEMBLEA A VERONA: NASCE IL COORDINAMENTO DEL BRENNERO.

5 Febbraio 2023 TUTTE LE CIRCOLARI

FAI-CONFTRASPORTO IN ASSEMBLEA A VERONA: STOP AI DIVIETI NOTTURNI IN AUSTRIA. NASCE IL COORDINAMENTO DEL BRENNERO, ALLEANZA CON LA GERMANIA Autotrasporto, pressing sull’Ue: l’iniziativa estesa a tutto il mondo economico e delle istituzioni

Abolire i divieti notturni imposti dall’Austria lungo l’asse del Brennero.

Lo chiedono a gran voce le imprese dell’autotrasporto, riunite oggi a Verona nell’Assemblea provinciale Fai Verona (la Federazione degli Autotrasportatori Italiani) per annunciare – fra i temi (caro gasolio ed Lng) – la nascita del Coordinamento del Brennero, che punta a coinvolgere anche le attività di trasporto della Germania, penalizzate come quelle italiane dal contingentamento dei Tir voluto dall’Austria. Divieti che provocano un danno all’Italia di 370 milioni di euro all’anno per ogni ora di ritardo nell’attraversamento.

Lo ricorda il presidente di Fai-Conftrasporto Paolo Uggè, che la settimana scorsa, durante il convegno di Conftrasporto a Roma, aveva chiesto di far rispettare la libera circolazione delle merci in area Shengen, principio rafforzato dal ministro dei Trasporti Matteo Salvini, che in quell’occasione aveva annunciato la richiesta di infrazione all’Unione Europea nei confronti dell’Austria.

Dall’’Assemblea di Fai Verona, Uggè annuncia: “Il Coordinamento si riunirà prossimamente per assumere iniziative di protesta, anche eclatanti, adeguate alla situazione”.

Lo fa di fronte a una platea di politici e imprenditori, presenti l’europarlamentare Paolo Borchia (Commissione Trasporti Eu), Flavio Tosi (vicepresidente IX Commissione Trasporti della Camera), Elisa De Berti (vicepresidente della Regione Veneto), David Di Michele (vicepresidente della Provincia di Verona). Tra i relatori, il segretario generale Fai Carlotta Caponi e i presidenti Fai Verona Moreno Santarosa, Fai Trento-Bolzano Andrea Pellegrini, Fai Brescia Sergio Piardi.

Lo stop notturno ai Tir dalle 22.00 alle 5.00 (senza contare gli altri divieti disposti dall’Austria) rallenta l’arrivo della merce nei negozi, con danno all’attività commerciale e al Made in Italy – spiega Alessio Sorio, segretario Fai Verona – Finché non ci sarà il raddoppio della ferrovia del Brennero, l’alternativa su rotaia sarà sempre e solo un’idea. Intanto, alle limitazioni ai Tir si sommerà la riduzione stradale a un’unica corsia per l’imminente ristrutturazione del ponte austriaco di Lueg: sarà il caos”.

L’asse pubblico-privato del nuovo Coordinamento del Brennero dovrà scongiurare questo pericolo mettendo in campo tutte le forze perché l’Europa intervenga in modo deciso sull’Austria.

Accise (42) ADR (33) Agenzia delle Entrate (86) albo autotrasporto (29) Albo gestori ambientali (40) Austria (96) Brennero (64) Conftrasporto (37) contributi (38) contributo (27) controlli (34) CORONAVIRUS (92) costo del gasolio (29) covid-19 (237) CQC (67) credito di imposta (83) cronotachigrafo (42) Decreto (38) decreto investimenti (41) Divieti (120) DPCM (28) Fisco (43) formazione (36) francia (43) gasolio (63) germania (36) GNL (29) green pass (51) INAIL (87) INPS (146) investimenti (72) ispettorato del lavoro (36) Lavoro (69) MIT (40) monte bianco (29) Paolo Uggè (113) patente (71) patenti (45) pedaggio (61) proroga (115) revisioni (64) Rifiuti (55) trasporti internazionali (39) trasporto rifiuti (37) UNATRAS (44)

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti alle nostre News

Ricevi le ultime notizie e aggiornamenti dalla Segreteria, il servizio è gratuito.

Fantastico !!!! Ti ringraziamo per l'iscrizione. Controlla la tua casella di posta o la cartella spam per confermare la tua iscrizione

Share This