Prorogato al 30 giugno 2025 l’accordo U.E – Ucraina sui trasporti stradali.

24 Giugno 2024 TUTTE LE CIRCOLARI

Prorogato al 30 giugno 2025 l’accordo U.E – Ucraina sui trasporti stradali.

Con un comunicato pubblicato sul proprio sito istituzionale, la Commissione U.E ha dato notizia della proroga al 30 Giugno 2025 (con possibile rinnovo tacito di ulteriori 6 mesi, quindi fino al termine del 2025) dell’accordo U.E – Ucraina sui trasporti stradali, altrimenti in scadenza il prossimo 30 giugno.

Di seguito, si riporta il testo del comunicato stampa pubblicato sul sito della Commissione U.E, dove si da conto dell’introduzione di alcune modifiche rispetto al testo originario dell’intesa del Giugno 2022

L’UE e l’Ucraina hanno deciso oggi di prorogare e aggiornare l’attuale accordo sui trasporti stradali. L’accordo mira ad aiutare l’Ucraina ad accedere ai mercati mondiali facilitando il transito attraverso i paesi dell’UE e sviluppando ulteriormente i suoi collegamenti con il mercato dell’UE.  Firmato per la prima volta il 29 giugno 2022 in seguito all’invasione su vasta scala dell’Ucraina da parte della Russia , l’accordo ha aumentato sostanzialmente il commercio su strada tra l’Ucraina e l’UE, a vantaggio di entrambe le economie. 

L’Accordo è pertanto prorogato fino al 30 giugno 2025con rinnovo tacito per un altro periodo di sei mesi, a meno che una delle parti non sia in disaccordo e abbia prove concrete e chiare che esiste una grave perturbazione del suo mercato dei trasporti stradali o che gli obiettivi dell’Accordo sono chiaramente non essere più soddisfatto. Per migliorare l’attuazione, l’accordo ora include le seguenti disposizioni per:

  • Richiedere agli operatori dei trasporti di portare con sé documenti comprovanti l’autorizzazione al trasporto internazionale e il rispetto dell’Accordo.
  • Richiedere documenti attestanti che le operazioni a vuoto sono direttamente collegate ad un’operazione di transito o bilaterale , come da accordo.
  • Migliorare il rispetto da parte degli operatori del trasporto di merci su strada degli obblighi dell’accordo, in particolare affrontando la frode, la falsificazione dei documenti del conducente e le violazioni della sicurezza stradale , che potrebbero portare alla perdita del diritto di fornire i servizi di trasporto specificati nell’accordo.
  • Introdurre una clausola di salvaguardia che consenta la sospensione dell’accordo in aree geografiche specifiche qualora il mercato dei trasporti stradali in tale area subisca gravi perturbazioni imputabili all’accordo.

Accise (44) ADR (36) Agenzia delle Entrate (99) albo autotrasporto (32) Albo gestori ambientali (41) Austria (106) Brennero (72) Conftrasporto (42) contributi (41) controlli (34) CORONAVIRUS (92) costo del gasolio (29) covid-19 (237) CQC (71) credito di imposta (90) cronotachigrafo (46) Decreto (39) decreto investimenti (45) Divieti (128) Fisco (58) FIT for 55 (30) formazione (46) francia (44) gasolio (65) germania (37) GNL (29) green pass (51) INAIL (91) INPS (152) investimenti (82) ISA (29) ispettorato del lavoro (41) Lavoro (81) MIT (42) monte bianco (33) Paolo Uggè (121) patente (78) patenti (49) pedaggio (65) proroga (115) revisioni (67) Rifiuti (61) trasporti internazionali (40) trasporto rifiuti (42) UNATRAS (50)

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti alle nostre News

Ricevi le ultime notizie e aggiornamenti dalla Segreteria, il servizio è gratuito.

Fantastico !!!! Ti ringraziamo per l'iscrizione. Controlla la tua casella di posta o la cartella spam per confermare la tua iscrizione

Share This